MCU: La maratona in DAD – Da Avengers: Age of Ultron (2015) a Spiderman: Homecoming (2017)

Se siete qui avete probabilmente letto il primo articolo di questa serie di recensioni e avete deciso di andare avanti contro ogni nostra aspettativa. Bravз. Ottima scelta. O forse no, ma grazie lo stesso per apprezzare il nostro lavoro, ci fa molto piacere. Ma ora asciughiamoci le lacrime di commozione e andiamo avanti.  

Legenda:  

  1. Sinossi discutibile: qui troverete un riassunto della trama del film. Non assicuriamo però che quello che leggerete sia attendibile; 
  1. Commento: nostre riflessioni sulla visione; 
  1. Salsicce d’oro: votazione della pellicola, che facendo parte di un universo creato e usufruito per la maggior parte da maschi, cis, etero, bianchi™ è rappresentata da salsicce, cioè il simbolo meno volgare che ci sia venuto in mente, ma pur sempre allusivo, della loro essenza.  

Avengers: Age of Ultron (2015)

Sinossi discutibile: a Sokovia, Iron Man, Captain america, Hulk, Thor, Vedova Nera e Occhio di Falco attaccano una base della SPECTRE, no cioè, volevo dire HYDRA. Scusate, troppe organizzazioni segrete, è facile confondersi. Quindi, dicevamo. Recuperano lo scettro di Loki, e dato che Tony ha le paranoie dà vita a Ultron, un robot che vede come unica soluzione la distruzione del genere umano. Beh, alla fine perché no? Quindi, mentre canticchia “Mai mi legherai”, aiutato da Wanda e Pietro, due gemelli con i superpoteri, va avanti con il suo piano mentre tenta di costruirsi un corpo in vibranio. I due giovani sokoviani in realtà sono buoni e si decidono all’ultimo minuto ad aiutare gli Avengers a salvare l’umanità. Pietro muore. Seriamente, non come Loki o Nick Fury. Sigh. Il corpo costruito per Ultron viene invece occupato abusivamente da Jarvis che si trasforma in Visione grazie alla gemma della Mente. O almeno credo, perché le trame sono diventate complesse e ci capiamo sempre meno.

Commento: 

  • Agua vuol fare causa alla Marvel per la morte di Pietro. La prima volta è sempre traumatica. Ma pure la centesima; 
  • Nick Fury è come Gandalf/Dio che lancia il sasso e nasconde la mano; 
  • Sokovia è la Polonia, sono tutti molto slavi e Pietro vestito con la tuta dell’Adidas non è un caso; 
  • Wanda invece è a un passo dal concerto di Avril Lavigne; 
  • Cap amoreggia con Iron Man e combatte in coppia con Thor; 
  • Bruce Banner è vestito peggio in questo film ma è praticamente Andrew Scott americano; 
  • La parte bucolica con tutti vestiti da contadini è sempre bellissima; 
  • Occhio di Falco è Bow e Visione è Swift Wind di She-Ra. 

Salsicce d’oro:  

Ant-Man (2015)

Sinossi discutibile: Scott Lang appena uscito dal carcere e con una vita sentimentale e familiare da schifo, viene ingaggiato a sua insaputa da un vecchio pazzo che parla con le formiche. Scott si innamora, ricambiato, di Hope e decide quindi di accettare l’incarico. In due giorni impara a utilizzare tecnologie ultrasofisticate e salva il mondo, e sua figlia Cassie, da uno squilibrato volante.  

Commento:  

  • Di questo film non mi ricordavo nulla e ho riso come una scema per gran parte del tempo; 
  • All’inizio, quando Pym colpisce il tipo, questo sanguina per trenta secondi e poi nella scena dopo il sangue è sparito e il fazzoletto usato per tamponarsi è immacolato; 
  • “Uccide DiCaprio, non uccide la vecchia” più bella frase di tutto il film; 
  • Di nuovo uno slavo in tuta. Gli avanzavano i costumi da Age of Ultron o non si spiega; 
  • Scott è solo un gradino sotto Deadpool come imbecillità; 
  • Paul Rudd riassume la vita degli universitari: ho una laurea, troverò sicuramente lavoro! (spoiler: non è così) 
  • Il caschetto di lei è terrificante; 
  • Ho dei problemi con gli insetti ma in questo film tutte le formiche sono carine; 
  • Agua, visto che ha già avviato la causa contro la Marvel per la morte di Pietro, vuole aggiungerci anche quella di Anthony;  
  • Lex Luthor che: 
    • Spara in aereo; 
    • “Non sono più quelli di una volta” quindi l’HYDRA è Casapuond; 
    • “I want your daddy too” mai frase detta da un cattivo fu più relatable. Voglio dire PAUL RUDD! Mi sono sentita molto rappresentata; 
  • Pym è un nonno ma è estremamente maschilista. La versione femminile di Ant-Man si chiama Wasp e la tuta ha il vitino da vespa; 
  • Il trenino Thomas è la cosa più inquietante dal mondo; 
  • Tutto il film urla “SBIRRI INFAMI” da lontano un miglio e la cosa ci fa molto ridere; 
  • Il compagno della ex di Scott si innamora di lui a fine film e lo chiama daddy come il cattivo perché: PAUL RUDD; 
  • La figlia è adorabile; 
  • Why don’t we call the Avegers? 

Salsicce d’oro:

Captain America: Civil War (2016) 

Sinossi discutibile: Steve e Tony litigano per colpa di Bucky cacciandoci dentro motivazioni finto-politiche. Si dividono in due gruppi e giocano a palla avvelenata, ma pareggiano, lasciando il pubblico stremato a fare la lista di tutte le cose utili che avrebbe potuto fare nei 147 minuti persi a guardare questo film.  

Commento

Film insulso e inutile. Avevano tutte le carte in regola per fare un filmone e invece è una palla di due ore e mezzo. Avevano Daniel Brühl ma l’hanno sfruttato a cazzo di cane. Hanno introdotto Spiderman che è caruccio ma non indispensabile. Lui e Scott esprimono pienamente le reazioni degli spettatori e li amiamo per questo. Iron Man ha rotto il cazzo. Black Panther ha rotto il cazzo. Visione ha (un po’) rotto il cazzo. Tutto questo team ha rotto il cazzo e Nat è molto poco credibile da questo lato della barricata. Ci tocca dare ragione a Cap anche se ci sta sul cazzo pure lui.  

Motivi per cui nostro malgrado siamo team Cap: 

  • Sebastan Stan; 
  • Anthony Mackie; 
  • Paul Rudd; 
  • Occhio di falco; 
  • Wanda; 
  • Tutti tranne Cap. 

Visione e Wanda sono tenerini. Cap e Bucky sono tenerini e hanno lo sguardo da cane triste, ti viene voglia di coccolarli. Sam e Bucky sono tenerini.  

Questo film urla “signora i limoni signoraaaaahhhhh” ma gli unici due che limonano sono Steve e Sharon con una chimica inesistente. C’è talmente tanta tensione sessuale tra Steve e Bucky che con gli agrumi mancati ci si poteva fare una spremuta.  

Sono tutti dei piccoli Batman.  

Ci sembra il caso di ribadire il concetto che in questo film ci sono DANIEL BRÜHL e PAUL RUDD. 

Salsicce d’oro:

+ Salsiccia d’onore a: Scott Lang, Bucky Barnes, Helmut Zemo, Wanda Maximoff, Sam Wilson (moltosimpaticimoltocarinimoltobraviemoltoboni)

Doctor Strange (2016) 

Sinossi discutibile: film sovvenzionato da Pubblicità Progresso, vi ricorda che se mandate messaggi mentre guidate rischiate di perdere l’uso delle mani e il vostro lavoro da chirurgo. Dopo mesi di depressione profonda, con gli ultimi soldi che vi sono rimasti, andate in India alla ricerca di un grande saggio che possa aiutarvi a tornare come prima. Qui Tilda Swinton, dopo avervi fatto bere del tè corretto con LSD vi insegnerà le arti mistiche per poi, ma guarda un po’ che novità, mandarvi a salvare il mondo. Quindi guidate responsabilmente.  

Commento

Agua aveva fatto un gran mescolone con il primo film del Batman di Nolan perché, giustamente, entrambi i protagonisti si fanno allenare da Ninja o giù di lì. Abbiamo riscontrato anche altre somiglianze con: 

  • Hugo Cabret; 
  • Una serie di sfortunati eventi; 
  • Inception; 
  • Upside Down; 
  • Harry Potter (“alle scale piace cambiare”, “non sei tu a scegliere la reliquia ma è lei a scegliere te”, la sezione proibita della biblioteca).  

Cose che sentiamo di dover dire su questo film: 

  • La prima parte è E.R.;  
  • Stephen è Serpeverde e capricorno;  
  • È un costante viecce
  • È l’unico a essere giustificato ad avere un film da solo: qui gli Avengers sarebbero stati poco utili; 
  • Il mantello è quello della Bella addormentata nel bosco ed è una mamma dato che gli asciuga le lacrime; 
  • Christine è tuttз noi (e tra lei e Doctor Strange… Bi panic);
  • I personaggi si riferiscono all’Antico come She/Her ma secondo noi si dovrebbe usare They/Them; 
  • L’armatura in cui viene rinchiuso Kaecilius pare un giocattolo sessuale; 
  • Vogliamo pure noi la palette Dormammu; 
  • La lotta tra Casper e il Tizio Grigliato con il Defibrillatore è stupenda; 
  • Sembra un preludio a Thanos; 
  • “Ineluttabile”, “inevitabile” ma non credo proprio; 
  • La pubblicità occulta ma nemmeno troppo della Yakult.

Concludiamo con la triade suprema a nostro avviso: Loki, Bucky, Doctor Strange. 

Salsicce d’oro:  

Guardiani della Galassia: Vol. 2 (2017) 

Sinossi discutibile: la morale di questo film è che avere rapporti di parentela, anche stretta, con qualcuno, non significa dover volergli bene per forza. Se sono genitori di merda e abusanti, come Odino e Ego, è sempre bene allontanarsene e trovare la propria famiglia da qualche altra parte. E sì, un albero, un procione, l’uomo invisibile, un’assassina in verde e un padre adottivo in blu sono una famiglia, alla faccia di chi dice il contrario.  

Commento

  • No. Raga no. Ma proprio no. Siamo arrivate in lacrime alla fine. E la seconda visione non aiuta; 
  • Groot che vomita però è bellissimo. Questo esserino è adorabile;  
  • Drax che “Ohana significa famiglia. Famiglia significa che nessuno viene abbandonato o dimenticato”; 
  • It’s raining men. Hallelujah.  

Salsicce d’oro:

Spiderman: Homecoming (2017)

Sinossi discutibile: Teen drama in cui Peter deve nascondere la sua identità segreta al mondo, studiare per il compito di matematica, picchiare dei ladri nel pomeriggio, giocare a calcetto con gli amici il venerdì sera, chiedere alla sua cotta di andare al ballo della scuola e combattere con il padre di lei, ex Batman, appena dopo un lento. La vita normale di un adolescente americano.  

Commento:  

Che film inutile. Peccato perché Tom Holland è uno Spiderman interessante, ma sto film è un po’ due palle. In pratica è lui che prende botte e cazziatoni. Le cose degne di nota sono: 

  • Zendaya; 
  • L’amico adorabile; 
  • Tony Stark babbo mancato; 
  • Michael Keaton che sembra dire a ogni piè sospinto “sono Batman”; 
  • Agua che “Ma quello è il centro di recupero degli Avengers!” 

Salsicce d’oro:

Fine seconda parte. Grazie per la vostra attenzione. Abbiamo quasi finito, abbiate fede.

3 pensieri riguardo “MCU: La maratona in DAD – Da Avengers: Age of Ultron (2015) a Spiderman: Homecoming (2017)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...